Campagna screening tumori cervice uterina

Elaborato nel 1943 dal biologo statunitense di origine greca G. Papanicolau, da cui ha preso il nome, il pap-test è l’esame per la diagnosi precoce dei tumori del collo dell’utero.
Il carcinoma della cervice uterina è la quarta forma tumorale per frequenza nella popolazione femminile: ogni anno in Italia vengono infatti diagnosticati 3.500 nuovi casi.
Tuttavia, purtroppo, la diffusione nel nostro Paese di questo esame non è ancora così ampia come per esempio negli Stati Uniti dove, grazie al pap-test, si è avuta una drastica riduzione del tumore al collo dell’utero.
In Italia, invece, ancor oggi ben 30 donne su 100 non hanno mai effettuato un pap-test. Diversi i motivi, tutti comunque riconducibili principalmente alla disinformazione. Alcune donne, per esempio, ritengono erroneamente che il pap-test sia un esame doloroso; altre temono senza motivo risultati non controllabili e definitivamente nefasti.
In realtà effettuare questo esame è indolore e non dà mai un esito scontatamente pessimistico. Infatti se le lesioni sono iniziali, regrediscono spontaneamente nell’80% dei casi; viceversa, se si riscontra il papilloma virus, è possibile intervenire tempestivamente con una cura appropriata. Ecco perché è buona abitudine che le donne tra i 25 e i 65 anni si sottopongano al pap-test almeno ogni tre anni.



Copyright©ASL Pavia 2015

Viale Indipendenza, 3 - 27100 Pavia C.F./P.I. 02613260187 Tel. 0382.4311 - Fax 0382.431299

Privacy || Note legali || Posta Elettronica Certificata || Cookies |